Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2020
XXIV Edizione

Ultimo aggiornamento: 11 Giugno 2020
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:
  • Resi noti i risultati. Tutti i partecipanti ricevono comunicazione a mezzo ClubNews il nostro notiziario email.
  • Inviata in data 16-03-2020 comunicazione a mezzo email agli autori ammessi all’antologia del premio. La giuria prosegue i lavori per arrivare a determinare la classifica finale.
  • La valutazione delle opere è iniziata in data 05-03-2020.
  • La premiazione si svolgerà a Melegnano (Milano) nel mese di febbraio-marzo 2021. I premiati verranno tempestivamente avvisati.
Risultati

Opera 1^ classificata: «Tornerò a cercarti tra le foglie» di Vittorio Di Ruocco, Pontecagnano (SA).
Vince: Targa Il Club dei Poeti – Pubblicazione di un Libro di 32 pagine edito dalla casa editrice Montedit con assegnazione gratuita di 100 copie all’autore – Pubblicazione della Poesia sull’Antologia del Premio e su Internet club.it.
Questa la motivazione della Giuria: «Vittorio Di Ruocco offre un canto lirico che emerge dall’oblio di una dimensione “impietrita”, quasi a chiedersi se un simbolico “vento notturno” possa distogliere dallo smarrimento della Parola e, persino, se egli stesso possa finire nelle “latebre” del tempo o “sopravvissuto” alla sua sorte.
Il cuore del poeta non trova risposte e vive nel tormento, “scarnito dal dolore e dal rimpianto”, e non restano che “pallidi ricordi” dispersi nella nebbia silenziosa dell’umano percorso.
Solo l’anima del poeta riuscirà a ridonare la luce lirica, che svela la verità primigenia dell’amore, l’estremo atto di salvazione che potrà preservare dalla caduta nelle tenebre e dal lento dissolvimento nella zona d’ombra dell’Essere, in balia del “vano destino”.
La Parola di Vittorio Di Ruocco penetra nella carne viva dell’esistenza in una totale fusione nella dimensione lirica, “s’infuoca”, si pietrifica, si rigenera e, infine, illumina l’intero canto lirico, dolce e doloroso al contempo».
Massimo Barile


Opera 2^ classificata: «A ruota libera» di Sergio Baldeschi, Montecerboli (PI).
Vince: Pubblicazione di un Libro di 32 pagine edito dalla casa editrice Montedit con assegnazione gratuita di 50 copie all’Autore – Pubblicazione della Poesia sull’Antologia e su Internet club.it.
Questa la motivazione della Giuria: «La raffinata visione lirica di Sergio Baldeschi si muove in una dimensione liquida nella quale le parole ed i pensieri vengono come “fagocitati” dall’anima, “assorbiti” dall’ansia e inglobati in una sorta di confessione lirica.
Il poeta lascia ai numi tutelari la custodia della vita, come ad affidarsi a divinità protettrici, quasi ad allontanarsi da una dimensione terrena, limitante e condizionante, per addentrarsi in un mondo dove il desiderio è promuovere la “nemesi del verbo”.
Nel processo di liquefazione mentale emergono gli svelamenti e le illuminazioni che conducono alla “dolcezza del divenire”: la totale immersione nel canto lirico fa innalzare la Parola al cielo ed il poeta “alfiere dei versi” pone sull’altare il suo cuore e si plasma nella substantia, profonda e autentica, della Poesia».
Massimo Barile


Opera 3^ classificata: «Terra d’autunno» di Elisabetta Liberatore, Pratola Peligna (AQ).
Vince: Pubblicazione di un Quaderno di 32 pagine edito dalla casa editrice Montedit con assegnazione gratuita di 50 copie all’Autore – Pubblicazione della Poesia sull’Antologia e su Internet club.it.
Questa la motivazione della Giuria: «Nella profonda e primordiale dimensione autunnale dell’umano vivere, generata dalla visione lirica di Elisabetta Liberatore, viene percepita “l’armonia senza nome/che palpita dentro un ricordo”, affondata nell’oblio e nel silenzio della “terra umida”, in un mondo naturale dove tutto si attutisce nella “filigrana” dell’esistenza dell’Uomo e dell’Universo stesso.
Tra le fenditure della “terra” e gli orizzonti dell’esistenza umana, gli “sguardi” e la “litania muta” incatenano la poetessa a tale dimensione lirica che pare sospesa nel tempo: trama vitale da perseguire e silente condizione di cui tutto si nutre, palpitante e lacerante al contempo, lambita appena dalla “pallida vampa del giorno”».
Massimo Barile


Opera 4^ classificata: «Quei giorni di Auschwitz» di Lucia Lo Bianco, Palermo (PA).
Questa la motivazione della Giuria: «La Parola di Lucia Lo Bianco, forte e vibrante, diventa intenso ricordo di coloro che hanno sofferto e perso la vita nei lager nazisti.
La memoria del campo di concentramento di Auschwitz emerge dalle oscurità del pensiero, avvolto dal gelo dell’inverno e dall’orrore del cuore, ammantato di una dimensione disumana, nella quale l’Uomo è contro l’Uomo, carnefice del suo stesso sangue, tremenda ingiuria al senso di umanità.
Nella visione lirica lo sguardo che circonda è “crudele”, la “lama del destino” inesorabile, e la vita stessa, come scrive la poetessa, diventa solo un “attimo”, sempre in bilico sul filo del destino.
Lucia Lo Bianco rende in modo tremendamente autentico il senso di angoscia vissuto da coloro che hanno “camminato nudi” nei campi di concentramento, trafitti nel corpo, sofferenti e umiliati, ma “liberi nell’anima” in eterno».
Massimo Barile


Opera 5^ classificata: «Il mio silenzio» di Mariateresa Biasion Martinelli, Luserna San Giovanni (TO).
Questa la motivazione della Giuria:«Nella lirica di Mariateresa Biasion il ricordo del vissuto esistenziale, “adornato di liriche immagini” e illuminato da versi generati nel “malinconico abbraccio di Erato”, s’incarna nella trama d’una poesia amorosa, tra rimpianto rimasto nel cuore e silente attesa dell’impulso lirico.
Le ferite che hanno segnato l’animo sono ormai cicatrizzate e la poetessa desidera solo generare e far risplendere la sua Parola lirica, sempre intensa e penetrante, come un creatore che “anela ad alitare poesia”».
Massimo Barile


Opera 6^ classificata: «Incontri» di Alessio Baroffio, Rescaldina (MI).
Questa la motivazione della Giuria: «Nella lirica di Alessio Baroffio emerge chiaramente la consapevolezza che gli incontri e le esperienze “insegnano la vita” ed ogni gesto, come ogni quotidiano passo che compiamo, sovente cambiano la trama dell’esistere.
Durante tale processo lirico in divenire si presentano inevitabilmente le molteplici metamorfosi, i diversi mutamenti dell’esistere, dal sorriso al disagio, per giungere fino al sogno e, tra emozioni e ricordi, tutto conduce a raccogliere i frammenti esistenziali.
Nelle “notti insonni” il cuore si è saziato con l’universo emozionale ed il poeta rende fedelmente il suo stato d’animo e la sua profonda intenzione lirica».
Massimo Barile


Opera 7^ classificata: «Ridi» di Marco Ferrando, Buttigliera Alta (TO).
Questa la motivazione della Giuria: «La lirica di Marco Ferrando vive di una dimensione che pare sospesa nel tempo, decretando la condizione di decadimento e sgretolamento, come a constatare l’inevitabile lento dissolvimento: il mondo naturale circostante appare seccato e pietrificato, un mondo morente e disgregato, dove tutto pare inghiottito e svanito, come vaporizzato in un mondo immobile e silente.
Il poeta rende fedelmente, e in modo magistrale, la condizione di dissoluzione ed evanescenza che dominano l’intera lirica con una presa d’atto finale che diventa decretazione e sigillo: rimarrà solo il mortale riso del filosofo Crisippo che “rimbomberà/nell’infinito silenzio”».
Massimo Barile


Opera 8^ classificata: «Debolezze» di Patrizia De Ponti, Londra (UK).
Questa la motivazione della Giuria: «La poesia di Patrizia De Ponti s’incarna nella consapevolezza lirica d’una sofferta condizione dell’animo che si muove tra dolore e solitudine.
L’anima smarrita si disperde in un vortice di parole, nella “vita che continua senza sosta”, come a decretare il vano dibattersi nell’esistenza e l’inutilità nel voler cercare risposte.
La visione poetica di Patrizia De Ponti riconduce ad una comunione d’anima fortemente ricercata, e le figure simboliche dei “tristi naviganti” che solcano le acque incerte dell’avventura umana sono lo specchio fedele della condizione dell’uomo “confuso tra la gente”».
Massimo Barile


Opera 9^ classificata: «Il vento spinge il mio aquilone» di Lucia Ingegneri, Monza (MB).
Questa la motivazione della Giuria: «La poesia di Lucia Ingegneri riconduce ad una condizione dell’esistenza, intimamente percepita e profondamente sentita, che diventa “prova di resistenza”, tra sentimenti autentici e gesti quotidiani.
Il cuore della poetessa cerca la sua “poesia”, meravigliosa forza che illumina la vita, capace di condurre oltre le oscurità, dissolvendo il velo che ricopre l’esistenza, fino a quando l’anima ritroverà il suo equilibrio.
Il simbolico vento del cambiamento “spinge l’aquilone” verso nuove “aperture”, nuovi orizzonti che trasportano in molteplici dimensioni e, nella percezione lirica della poetessa, il suo “Essere profondo” diventa respiro universale».
Massimo Barile


Opera 10^ classificata: «Dissolutio» di Stefano Fissi, Firenze (FI).
Questa la motivazione della Giuria: «La poesia di Stefano Fissi si genera sulla linea di confine tra “bagliori” ed “attese”, ardore e brama, apparenza ed evanescenza, dove dantescamente il volto “muta sembiante”, fino all’estrema “dissolutio”.
La lirica diventa decretazione della conclusione di un percorso, tra prove da superare e sofferenze da metabolizzare, dopo aver abbracciato le visioni notturne, dopo lo stupore dello “splendore del suo sguardo”, fino alla presa d’atto finale del poeta quando si ritrova “nudo”, e confessa “mi annullerò nella fonte di vita”».
Massimo Barile




Dal quarto al decimo vincono: Attestato – Buono valido per avere 30 copie in omaggio in caso di pubblicazione di un proprio libro con la casa editrice Montedit – Pubblicazione della poesia sull’Antologia del Premio e su Internet club.it




La premiazione si svolgerà a Melegnano (Milano) nel mese di febbraio-marzo 2021. I premiati verranno tempestivamente avvisati.


L'Albo d'Oro:
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2020 XXIV Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2019 XXIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2018 XXII Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2017 XXI Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2016 XX Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2015 XIX Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2014 XVIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2013 XVII Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2012 XVI Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2011 XV Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2010 XIV Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2009 XIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2008 XII Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2007 XI Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2006 X Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2005 IX Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2004 VIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2003 VII Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2002 VI Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2001 V Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2000 IV Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 1999 III Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 1998 II Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 1997 I Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2020 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153